Coronavirus, il video-appello dei rider torinesi a Giuseppe Conte: “Vorremmo fermarci, ma non possiamo. Stop a consegne e reddito garantito”

“Stop ai servizi di consegna e reddito garantito per per i rider lasciati a casa”. È l’appello lanciato dai rider torinesi del collettivo Deliverance Project al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Da giorni continuano a consegnare cibo d’asporto per la città senza protezioni. Vorrebbero fermarsi, ma in tanti non riescono: “Io vorrei fermarmi ma non posso – racconta una di loro – perché devo pagare l’affitto e perché con il sistema del ranking (cioè un punteggio dato da disponibilità, numero di consegne e velocità ndr.), se rinuncio a due settimane, rischio l’azzeramento del mio punteggio e per me sarà impossibile ritornare a lavorare”. Intanto davanti ai pochi ristoranti aperti, si creano dei capannelli poco sicuri per i rider stessi che sono costretti ad aspettare fino a due ore per ricevere il cibo da trasportare. “Non vogliamo ricatti tra salute e lavoro – spiegano i rider – l’emergenza sanitaria non la possono pagare le categorie meno tutelate e ai margini della società”.


close

Prima di continuare


Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.


Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.


Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.


Grazie,

Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,

Peter Gomez

Link Riferimento



Lascia un commento

Open chat
1
Benvenuto. Hai bisogno di informazioni?
Powered by