Coronavirus, mascherina mia fatti capanna. Le colpe e le quattro verità

 

Speciale Coronavirus – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Vogliamo dirci la verità? Se le mascherine mancano è anzitutto perché le burocrazie regionali, tutte delegate alla gestione operativa del sistema sanitario, non hanno provveduto a stoccarle per tempo avendo sottostimato gravemente l’esigenza. Quindi, l’imputato numero 1 sono le Regioni.

La defaillance della Protezione civile, che evidentemente ha commesso lo stesso errore di valutazione, arriva semmai dopo e non prima di questo buco operativo.

Poi perché non dirci una terza verità: essendo mondiale l’emergenza sanitaria nessun Paese che le produce accetta di venderle. L’India non ha accolto l’ordine avanzato dall’Italia, così pure la Romania, e così la Francia. Ciascuno, potendoselo permettere, requisisce e trattiene. Solo ieri la cancelliera Merkel ha accettato di farle giungere nel numero di un milione, dopo che la consegna, su sua richiesta, era stata bloccata.

La quarta verità: l’Italia si trova in difficoltà perché non produce questo presidio sanitario. La libera impresa da tempo non ritiene il mercato sufficientemente redditizio. Si sta provvedendo alla realizzazione di una linea produttiva di emergenza, ma i tempi sono purtroppo più lunghi rispetto all’urgenza.

Mettere in fila le verità significa mettere in fila le responsabilità e capire che la polemica non basta a tacitare le colpe, semmai a nasconderle sotto un sordo e ora piuttosto inutile rumore di fondo.


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,

Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,

Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, la rupe tarpea di Boris Johnson: giù i più fragili e sfortunati

next

 

Link Riferimento



Lascia un commento

Open chat
1
Benvenuto. Hai bisogno di informazioni?