Coronavirus, sindaco Agropoli: “Nessun contagio, ma state a casa”. Poi esce, sfila per strada e si ferma abbracciando i cittadini

Prima, con un video messaggio, ha annunciato che “nessun cittadino” era stato contagiato, richiamando però a seguire le regole, “rimanendo in casa”. Poi, però, è uscito festeggiando e sfilando per le strade del paese, abbracciando e scattando selfie con la cittadinanza. È quanto fatto, contravvenendo tra l’altro alla raccomandazione dell’Oms di non stringersi neanche le mani, dal sindaco di Agropoli, Adamo Coppola.

Il primo cittadino sabato 14 marzo dalla propria pagina Facebook Adamo Coppola, sindaco di Agropoli (Salerno), annunciava una buona notizia: i tamponi per il rilevamento del coronavirus eseguiti di recente su alcuni residenti nel Comune cilentano “sono tutti negativi“. Un messaggio di ottimismo subito seguito da un monito: “Ora arrivano i momenti più duri, più difficili, non dobbiamo assolutamente abbassare la guardia (…) La raccomandazione che abbiamo ripetuto in questi giorni è: dobbiamo restare a casa. Rispettiamo le regole”.

Un buon esempio che però il primo cittadino stesso non ha seguito. In serata, Coppola ha infatti deciso di festeggiare per le strade del paese, sfilando seguito dai mezzi della Protezione Civile e della Polizia locale. In un video postato su Instagram lo si vede mentre saluta i cittadini, abbracciando e scattando selfie con alcuni farmacisti della zona. Dopo la sfilata, il sindaco ha postato un nuovo video su Facebook, ringraziando tutti per “la serata bellissima” e in particolare coloro che lo hanno accompagnato in questo “giro di perlustrazione, che è poi diventato qualcosa di più”.


close

Prima di continuare


Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.


Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.


Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.


Grazie,

Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,

Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, il racconto dall’ospedale di Bergamo: “Siamo al collasso, terapia intensiva al limite”. Si spera in nuove strutture ad hoc

next


Link Riferimento



Lascia un commento

Open chat
1
Benvenuto. Hai bisogno di informazioni?
Powered by