Coronavirus, virologo Crisanti: “Nuovi ospedali? Guerra non si vince solo così. Per eliminare malattia vanno identificati anche asintomatici”

“Nessuna guerra è stata vinta solo creando ospedali, le armi per vincere sono la quarantena, il contenimento e la sorveglianza attiva”. Andrea Crisanti è il direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’Università di Padova. Fin dall’inizio dell’epidemia ha sempre sostenuto la necessità di estendere il test del tampone anche agli asintomatici. A partire dall’ospedale di Padova dove “seguendo l’esempio cinese, fin da subito abbiamo controllato tutto il personale e i pazienti per evitare che chi entrasse potesse infettare o essere infettato. È un nostro merito, anche se abbiamo disatteso le direttive ministeriali che non consentivano di eseguire i test sugli asintomatici”. La stessa strategia attuata a Vò Euganeo: “Abbiamo fatto fin dal primo momento tamponi a tutti scoprendo che il 3% della popolazione era positivo, ma che più della metà non presentava sintomi”. L’isolamento degli asintomatici ha fatto sì che a due settimane di distanza: “il numero dei positivi è passato dal 3% allo 0,3% ovvero una riduzione del 90%. Se avessimo questi numeri in tutta Italia, faremmo festa”. La strategia del Veneto adesso è quella di estendere i campioni il più possibile: “Il nostro obiettivo è di passare in una settimana da 1500 a 5000 test. Se non identifichiamo i casi uno per uno, non elimineremo la malattia”.


close

Prima di continuare


Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.


Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.


Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.


Grazie,

Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,

Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, nel Bresciano mancano valvole per respiratori: ingegnere ne stampa 100 in 3d. “Coperte da brevetto? Non possiamo fermarci”

next


Link Riferimento



Lascia un commento

Open chat
1
Benvenuto. Hai bisogno di informazioni?
Powered by